»

«

La ricetta della focaccia genovese di Rita

focaccia

Ho fatto molti tentativi per arrivare ad ottenere una focaccia simile a quella che si compra dai fornai e questa è la ricetta che ho via, via affinato. Tenete presente che la lievitazione dipende dall’ambiente più o meno caldo (perciò i tempi potrebbero cambiare leggermente in più o in meno) ed ognuno di noi conosce il proprio forno. Il mio, per esempio, è elettrico e lo uso in modalità non ventilata.

 

Ingredienti:

500g farina di grano tenero tipo “0” Valli Unite

260 acqua (di cui un gotto di vino bianco)

un cubetto di lievito di birra, o una bustina di lievito in polvere

100g di olio e.v.o.

12 gr. di sale;

 

Mettete la farina in una terrina aggiungete il sale ed unite di volta in volta i liquidi impastando, da ultimo unite il lievito appena sciolto in un pochino di acqua. Lavorate l’impasto sino a che non è liscio molto morbido e leggermente appiccicoso. Formate una palla e lascia tela riposare per un’oretta coperta con uno strofinaccio umido.

Trascorsa un’ora circa stendete la pasta (aiutatevi con le mani) in una teglia unta, lasciatela lievitare ancora per due ore circa sempre coperta da un panno, poi riempi tela di ditate profonde, spolveratela di sale e copritela, con un 1 bicchiere di acqua e olio. Infornate nel forno caldo a 200 gradi per 10-15 min (la superficie deve essere dorata).

ALTERNATIVA per chi ha la macchina per il pane:

Mettete gli ingredienti nella teglia della macchina, prima i liquidi quindi la farina il sale ed il lievito e fatela lavorare con il ciclo per l’impasto. La mia macchina prevede 1 ora e mezza di lavorazione, compresa una prima lievitazione.

Terminato il ciclo togliete l’impasto dalla macchina e stendetelo nella teglia unta, lasciatelo lievitare ancora per due ore circa coperta da un panno, poi riempitelo di ditate profonde, spolveratelo di sale e copritelo, con un 1 bicchiere di acqua e olio. Infornate nel forno caldo a 200 gradi per 10-15 min

P.S. Io stendo l’impasto direttamente su una delle piastre del forno coperta da carta da forno unta.

Rita

 

Permanent link to this article: http://www.ilcammellodellaspesa.it/?p=1010